FIDUCIA SUL POSTO DI LAVORO: L’INGREDIENTE GIUSTO PER INNOVARSI

Una serie di studi hanno messo in luce che un solido ed efficace rapporto di fiducia tra datore ed impiegati è essenziale per creare un ambiente lavorativo operativo e ben organizzato. 

Al contrario, un ambiente di lavoro a bassa fiducia può essere altamente stressante e poco piacevole per i lavoratori. 

Il datore dovrebbe mirare a comportamenti che portino a favorire la creazione di un clima di fiducia sul posto di lavoro che si alimenti e che cresca sempre di più nel tempo. Talvolta, la fiducia è anche l’elemento che determina in maniera decisiva il rapporto tra i diversi stakeholder di un progetto, e, quindi, rappresenta un elemento indispensabile per la sua buona riuscita.

Creare fiducia sul posto di lavoro

Per chi conduce un gruppo di lavoro, numeroso o meno, è fondamentale capire che la fiducia sul posto di lavoro rappresenta un valore enorme. 

Contrariamente a ciò che si crede di solito, saper coltivare una cultura della fiducia non è una “soft skill” ma una necessità. 

Numerose ricerche dimostrano che un saldo rapporto di fiducia sul posto di lavoro tra manager e impiegati è determinante per creare ambienti lavorativi ottimali ed alti livelli di performance aumentando la produttività e diminuendo i costi. 

È dunque consigliabile, per qualsiasi persona si trovi in un ruolo di comando a livello lavorativo, tenere dei comportamenti che stimolino a creare rapporti e relazioni di fiducia con il proprio team.

Al contrario, i dipendenti che lavorano in un luogo di lavoro contraddistinto da bassa fiducia non comunicano tra di loro, mantengono comportamenti sleali e si mostrano poco propositivi in relazione alle attività lavorative quotidiane. In un ambiente così ostile e poco solide è difficile lavorare e ottenere performance ad elevata redditività.

I dipendenti di aziende con bassa fiducia non esprimono al meglio le loro capacità e abilità, non mettono in luce i loro talenti, non danno sfogo alla loro creatività e sono meno propositivi.

L’azienda perde quindi produttività, innovazione e di conseguenza non ottiene i vantaggi competitivi che le consentono di contrastare la concorrenza.

Fidarsi meglio

La fiducia è un concetto molto astratto, ma la fiducia sul posto di lavoro è un concetto concreto nella nostra vita; quando è scarsa tutto si complica, aumentano i controlli, le incomprensioni, il numero delle riunioni, la demotivazione, l’ostruzionismo.

Onora O’Neill, filosofa e docente emerita a Cambridge nel TED conference parla di tre falsi luoghi comuni sulla fiducia (uno dei quali è dovremmo fidarci di più) e ci suggerisce che non serve fidarsi di più, ma fidarsi meglio, con intelligenza, perché la fiducia ben fondata è figlia della ricerca attiva, cioè una valutazione più approfondita degli elementi che possiamo conoscere.

La fiducia migliora il lavoro di squadra e la collaborazione

La fiducia sul posto di lavoro ha una grande influenza sul modo in cui i dipendenti collaborano e cooperano insieme sugli stessi progetti.

In questo periodo di pandemia la maggior parte dei dipendenti lavora ancora da casa, e non essendo fisicamente presenti in azienda, non sono sotto il controllo diretto del datore di lavoro e non possono condividere e scambiare idee in maniera “reale” con il loro gruppo di lavoro. 

Proprio durante questo periodo di “delocalizzazione” i datori di lavoro hanno iniziato a capire l’importanza di creare un ambiente di fiducia sul posto di lavoro.

Un passo fondamentale per sviluppare dei luoghi di lavoro affidabili e collaborativi è quello di favorire una comunicazione aperta e onesta, in modo da garantire anche una crescita all’interno del luogo di lavoro. Invece, una scarsa comunicazione, porta solo ed inevitabilmente una scarsa collaborazione.

La fiducia porta al benessere

Un punto fondamentale della fiducia sul posto di lavoro è il miglioramento del processo decisionale: se i dipendenti si fidano dei loro superiori e i manager si fidano del team si crea una sinergia forte, una maggiore condivisione e quindi un clima di fiducia. 

Inoltre un clima di fiducia diminuisce lo stress e il burnout. Lo stress e il burnout sono due variabili da limitare nelle aziende, poiché hanno un’influenza negativa sulla motivazione e sulla produttività dei dipendenti.

Per farlo, i vari ambienti di lavoro devono creare un clima di lavoro collaborativo, trasparente, basato sulla comunicazione, ossia sulla fiducia.

È importante, quindi, che i dipendenti si sentano liberi di parlare di questioni lavorative, delle loro preoccupazioni e delle loro esigenze, senza che si sentano limitati in questa libertà.

La fiducia sul posto di lavoro supera la resistenza al cambiamento

Durante la pandemia da Covid-19 molti datori di lavoro hanno dovuto cambiare e ripensare velocemente il modello organizzativo e lavorativo, accelerando il processo di trasformazione digitale. 

Un cambio culturale interno alle aziende, che passa attraverso un cambio tecnologico. Spesso le persone sono resistenti al cambiamento e hanno dei comportamenti volti a rallentare il processo, piuttosto che accelerarlo.

Mai, però, come in questo momento storico difficile, la fiducia diventa l’ingrediente in più per garantire e agevolare questa evoluzione.

Il consenso e la comunicazione interna delle aziende attivano un processo di trasparenza, che consente alle persone di adattarsi con velocità e nel modo migliore al cambiamento.

Conclusione

La fiducia sul posto di lavoro è un elemento essenziale per ogni azienda o posto di lavoro. Promuovere una cultura aziendale basata sulla fiducia incoraggia la collaborazione e contribuisce alla creazione di un ambiente di lavoro creativo, portando ad una continua crescita ed evoluzione aziendale.

Inoltre, quando le persone si sentono libere di comunicare, libere di esprimere il proprio pensiero e, soprattutto, quando si fidano dei propri datori di lavoro, sono anche più innovative

I dipendenti che non percepiscono la fiducia tendono a non essere proattivi, a non prendere iniziative, a non produrre e condividere nuove idee, creando così un ambiente di lavoro che non innova. 

Se coltivata con cura, mettendo ogni singolo dipendente nella condizione di poter contare su chi gli sta accanto e su chi coordina il team di lavoro, diventa uno dei più importanti e proficui vantaggi competitivi aziendali.

 

Share on

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi periodicamente le pubblicazioni del mondo ICO

LE ULTIME PUBBLICAZIONI

Vuoi conoscerci meglio?