Smart Working: strumenti e tool da utilizzare per le vostre videochiamate

La permanenza forzata a casa durante il lock down ha colpito tutti, la nostra quotidianità è cambiata e una delle cose di cui abbiamo sentito di più la mancanza è stata la vicinanza con le persone, dagli amici, agli affetti personali fino ad arrivare ai colleghi di lavoro.

La tecnologia è stata, ed è ancora oggi una dei nostri alleati. Infatti, tematiche come telelavoro, smart working, lavoro da remoto, didattica online etc, sono stati fondamentali durante l’emergenza COVID-19.

Un bisogno che oggi rappresenta un’occasione per molte aziende, pubbliche e private, professionisti ed educatori italiani, per dare un avanzamento concreto al percorso di digitalizzazione del Paese, rimasto da parte fino a prima della pandemia, poiché le aziende credevano in una scarsa produttività da parte dei propri dipendenti. 

Indice

Smartworking e telelavoro

Quando parliamo di smartworking, definizione contenuta nella Legge n.81/2017, intendiamo una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato caratterizzato dall’assenza di vincoli orari o spaziali e un’organizzazione per fasi, cicli e obiettivi, stabilita mediante accordo tra dipendente e datore di lavoro.

Il telelavoro, invece, rappresenta una modalità di lavoro effettuata da remoto, ovvero a distanza rispetto a quella che è la sede centrale.

Gli strumenti indispensabili per le videochiamate

Per lavorare da casa, o meglio da remoto, è indispensabile avere a disposizione strumenti che consentano di comunicare efficacemente con i colleghi.

Oltre alle chat di lavoro e file condivisi in rete, per esempio su Google Drive, è necessario essere bravi ad utilizzare ed effettuare le video-chiamate, utili per riunioni con i colleghi, per confrontarsi e risolvere eventuali problemi riscontrati durante il lavoro.

A livello didattico, per seguire, frequentare ed effettuare lezioni online ci sono degli strumenti che dobbiamo obbligatoriamente avere.

Gli strumenti assolutamente necessari per effettuare delle videochiamate sono: 

  1. Una connessione internet stabile con una banda a disposizione.

  2. Una webcam che può essere acquistato separatamente dal PC o una che è integrata al dispositivo che stiamo utilizzando.

  3. Cuffie con o senza microfono in modo da isolarsi dal resto dell’ambiente domestico.

  4. Un apposito software indispensabile per effettuare una video-chiamata.

 

I software per le videochiamate da web

Tra i tool diffusi in ambito lavorativo possiamo trovare Skype, servizio di messaggistica di Microsoft che permette di chattare, presentare file e scambiare documenti.

Per usufruire di questo servizio, è necessario creare un’account dalla pagina web dedicata oppure direttamente dall’applicazione, disponibili in tutti i sistemi operativi.

Il tool consente di avviare delle chat di gruppo e video-chiamate di gruppo.

Una delle funzioni più utilizzate è la condivisione dello schermo, in modo da poter condividere una presentazione o usare “registra il mio schermo! per condividere con i colleghi, o con gli studenti o altre persone, una procedura da seguire.

Microsoft Teams, è un’altra piattaforma di comunicazione che è in grado di combinare chat, videoconferenze, archiviare file, ma anche collaborazione su file ed integrazione delle applicazioni.

Il servizio è compreso nella suite di Office 365 e include delle estensioni che possono essere integrati con prodotti che non appartengono a Microsoft.

Google Hangouts Meet, è ottimo per effettuare chiamate video, anche di gruppo (massimo 10 partecipanti).

Il vantaggio più importante di questo strumento, disponibile per tutti gli utenti appartenenti alla Google Suite, è quella di essere una web app, ovvero non è necessario installare dei programmi specifici, ma per accedere alle videochiamate bisogna solo condividere il link.

L’account da utilizzare per accedere è quello di Google e i contatti vengono sincronizzati in automatico. Inoltre, è possibile mandare un remind, riguardante la partecipazione alla call, mediante invito via email Calendar.

Infine, un altro strumento molto apprezzato è Slack, utilizzato e apprezzato tra dipendenti aziendali e gruppi di lavoro, disponibile come app web, come programma Window sul PC, ma anche come app per i mobile phone.

Anche Slack, come gli altri, consente di condividere file, chattare, di fare videochiamate e di integrare spazi cloud come Dropbox e Google Docs.

Per utilizzarlo è possibile sottoscrivere un abbonamento, o utilizzarlo gratis con delle limitazioni applicative.

I software per le video-chiamate da mobile

Per fare delle videochiamate, da qualsiasi posto, visto che oggi gli operatori telefonoci consentono agli utenti di usufruire di offerte vantaggiose con tanti dati, è possibile utilizzare anche app mobile, alcune già diffuse e presenti nei nostri smartphone.

Whatsapp, nota app di messaggistica per dispositivi mobile di Facebook, consente di avviare videochiamate con i contatti della rubrica telefonica o semplicemente con il numero telefonico anche se non si conosce.

Oltre alla videochiamate singole, si possono fare anche quelle di gruppo fino ad un numero di 8 partecipanti.

Altre app social, sempre appartenenti a Facebook, come Instagram o Facebook Messenger, consentono di effettuare videochiamate verso i propri contatti.

Chi è in possesso di uno smartphone Android, troverà già presente nel proprio dispositivo Google Duo, un’app sviluppata da Mountain View per chiamate e videochiamate tramite internet.

Invece, chi è in possesso di un iPhone o iPad potrà sfruttare FaceTime, di proprietà di Apple e che è possibile utilizzare solo su iPhone e tutti i dispositivi della famiglia Apple, ma non può essere usufruito per comunicare con persone che dispongono di PC Window o Linux

Skype, Hangouts di Google, Slack sono tutti disponibili in versione mobile e utilizzabili con tutte le loro potenziali negli smartphone.

Conclusione

Oggi tutti questi strumenti e la modalità smart working sono ormai adottate all’interno di quasi tutte le aziende.

Lo smart working, come abbiamo detto nell’articolo precedente, è un tipo di attività che va a “invadere” non solo la vita lavorativa ma anche quella privata.

Una cosa importante da dire è che lo smart working sta, piano piano, diventando smart learning, ovvero oltre alle esigenze lavorative, la tecnologia di oggi offre delle opportunità anche a livello didattico, dalla formazione scolastica alla formazione aziendale, dando vita così a nuovi scenari futuri non solo per il lavoro, ma anche per l’educazione e la formazione.

Share on

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi periodicamente le pubblicazioni del mondo ICO

LE ULTIME PUBBLICAZIONI

Vuoi conoscerci meglio?